TIME IS …

 

BIENNALE AUSTRIA Ausstellung „TIME IS …“ in der Galerie Il Salone dell’arte, Via della Zonta 2/c, 34100 Trieste, Italien.

Der Verein BIENNALE AUSTRIA präsentiert vom 1. bis 15. September 2018 in der Galerie Il Salone dell’arte, Via della Zonta 2/c, 34100 Trieste in der Ausstellung „TIME IS …“ Positionen von Künstlerinnen und Künstler aus Australien, Deutschland, Ukraine und Österreich zum Thema ZEIT.

TIME IS …

Galerie Il Salone dell’arte
Via della Zonta 2/c
34100 Trieste / Italien
Vernissage: 1. September 2018, 18.30 Uhr

Einführende Worte: Cristina Feresin, Kunstkritikerin
Eröffnung: Elisabeth Rass, Herwig Maria Stark (Biennale Austria)

Künstlerinnen und Künstler:

PIA KINTRUP | NATALIIA KRYKUN | MARLIS LEPICNIK |

DONNA LOUGHER | MARLEN PEIX | ELISABETH RASS |

HERWIG MARIA STARK | ILDIKÓ TEREBESI | KERSTIN VOSS

 

INVITATION-TIME-IS

 

Ausstellungsdauer: 2. September – 15. September 2018
Öffnungszeiten der Galerie: MO – SA 10.00 – 12.00 und 16.30 – 19.00 Uhr

 

Thema:

Grundsätzlich wird eine Beschäftigung mit dem Phänomen Zeit in den bildenden Künsten immer von zwei Seiten erfahrbar: Zeit wird in ihnen sowohl vermittelt, als auch konstituiert. In den verschiedenen Epochen wurde dem Phänomen Zeit mehr oder weniger große Aufmerksamkeit gewidmet.

In den letzten Jahrzehnten zeigt sich jedoch eine radikale gesellschaftsbedingte Wandlung in der Wahrnehmung des Phänomens Zeit.

Die Vergrößerung des individuellen Raumes durch die rasante Entwicklung technischer Medien und digitaler Bezugsgrößen, die Erhöhung der eigenen Lebensgeschwindigkeit durch ein sich zunehmend schneller veränderndes und agierendes Umfeld, die Konzentration sowie der Zwang auf allen Ebenen die Zeit in einer leistungsorientierten Gesellschaft möglichst produktiv zu nutzen, lässt Fragen nach der Wahrnehmung von Geschichte, Vergänglichkeit und nach dem Umgang mit Erinnern und Vergessen von besonderen Interessen jedes Einzelnen werden. (Elisabeth Rass, 2018)

++++++++++

Theme:

Basically, you can experience the deal with the TIME PHENOMENON in visual arts from two sides: on one side time is implied to you, on the other side it’s constituted. In various epochs human society dedicated more or less attention to the time phenomenon.

Within the last decades a radical transformation of the perception of time aroused caused by basic changes of human society.

The aggrandizement of individual space by rapid development of technical medias and digital benchmarks, the elevation of one’s own life-speed by an increasingly faster changing and operating environment, the concentration as well as the dictates on all levels by a meritocratic society to use time as productive as possible, all this arouses the special interest of any individual to put a question to himself about perception of history, evanescence and the dealing with reminiscence and oblivion. (Elisabeth Rass, 2018)

++++++++++

Il tempo nelle arti visive è sempre stato vissuto come un fenomeno di contrapposizione, una ricerca all’attenzione, un trascorrere inesorabile, dove “solo chi fa arte” è in grado di contrastare o per lo meno provare questa evoluzione.

L’espansione del singolo spazio attraverso il rapido sviluppo dei mezzi tecnici e delle varianti di riferimento digitali, l’aumento della velocità di vita , causato da un ambiente mutevole e operativo sempre più veloce, la concentrazione e la concezione a tutti i livelli di utilizzare il tempo in una società orientata al rendimento del mondo sempre più produttivo possibile, ci pone delle domande sulla percezione della storia, che ci fa dimenticare o ricordare l’interesse per ogni individuo .una realtà che noi… non possiamo certo ignorare. (Elisabeth Rass, 2018)

 

AUSSTELLUNGSKATALOG

AUSSTELLUNGSKATALOG TIME IS …

 

“Il tempo. Un concetto che ha sempre avuto, ed ha tutt’ora e per ognuno di noi, peso, importanza, urgenza, attrazione, mistero. La necessità di capire cos’è, come misurarlo, come non lasciarlo fuggire o, al contrario, come farlo passare velocemente. Il fascino dell’irripetibilità, e quindi dell’unicità, sono tutte riflessioni che emergono in questa collettiva di artisti che al tempo si sono ispirati attraverso opere che spaziano dalla pittura alla fotografia, passando per il collage, la grafica, l’arte digitale.

Ognuno con la propria idea e concezione del tempo, in rapporto allo spazio, alla società in evoluzione, alla natura, alla propria intimità, alla propria capacità di catturarlo e di viverlo. Ma anche con la lungimiranza e il buonsenso di chi, il tempo passato, lo sa guardare, per ponderare il tempo presente, spesso difficile da gestire, che scorre rapido, dinamico, pregno di immagini, informazioni, dati, su cui invece, bisognerebbe soffermare l’attenzione per vivere con consapevolezza e pienezza un tempo ideale.” (Cristina Feresin)

 

About the artists (Cristina Feresin)

Pia KINTRUP

Un interesse particolare per l’inconsistenza e la precarietà delle cose, la fragilità degli oggetti in rapporto al vuoto che li circonda, o per l’impalpabilità e la fugacità delle nuvole, in queste fotografie ed installazioni di Pia KINTRUP, dove le riprese essenziali inducono a suggestioni visive, pregnanza lirica ed allusiva. 

Nataliia KRYKUN

La pittura di Nataliia KRYKUN è ricca, calibrata, gesto, luce, colore si integrano perfettamente in questi paesaggi, in cui emerge l’attenzione per la natura, il ricordo, lo stato d’animo determinato da una visione, il tutto espresso attraverso accostamenti cromatici raffinati e di grande equilibrio. 

Marlis LEPICNIK

Gesto fluido, pittura liquida, trasparente, suggestiva per le tele di Marlis LEPICNIK ispirate a scorci tipici di Trieste. Prospettive insolite, una scelta cromatica dai toni bassi e neutri e un tratto veloce e sintetico riescono a rendere, in maniera inequivocabile, l’atmosfera dei luoghi ripresi. 

Donna LOUGHER

Artista australiana che sperimenta tecniche diverse con gran disinvoltura, Donna LOUGHER realizza delle composizioni di forte impatto visivo, caratterizzate da un segno grafico quasi primitivo abbinato a una felice combinazione tra colore, collage e stampa digitale su lino belga, carta, cartone.    

Marlen PEIX

Si ispira al quotidiano, agli oggetti e alle situazioni che la circondano, apparentemente banali o accidentali, ma in cui Marlen PEIX riesce ad estrarne il contenuto non comune, la profondità o anche solo la bellezza insita, con la giusta dosa di attenzione e la capacità di andare oltre al senso comune delle cose. 

Elisabeth RASS

Il mondo del lavoro, la fabbrica, ma anche la natura, sia nel suo insieme, sia nel particolare, e poi l’architettura, le persone, tutto ciò che circonda Elisabeth RASS ed attira la sua attenzione, è materia da indagare e restituire con uno sguardo e sotto una luce del tutto nuova e personale. 

Herwig Maria STARK

Il volto e, più in generale l’uomo con le sue paure, debolezze, inquietudini, da sempre connotano l’operare di Herwig Maria Stark, artista poliedrico che, nel ritratto, e in ciò che rappresenta, fa emergere il lato oscuro e intimo non solo di ognuno di noi, ma dell’intera società contemporanea. 

Ildikó TEREBESI

L’arte di Ildikó TEREBESI è caratterizzata da un coloro saturo, pieno, innaturale e da una scelta dei temi che spazia dalle architetture cittadine a scorci di Berlino, da situazioni quotidiane a piccole “gioie della vita”, resi con una pittura a tratti naif, riscontrabile anche nei collage intrisi di spiritualità. 

Kerstin VOSS

Il silenzio, l’assenza di tracce umane e la presenza, invece, di una natura inesplorata, desolata: su queste coordinate si muove l’arte di Kerstin VOSS, fatta di toni bassi, di velature, di superficie dove il colore si fa trasparente e lascia intendere di guardare in profondità, con calma, in assenza di rumore.

Wir freuen uns über Ihre Meinung.

Trage deine Daten unten ein oder klicke ein Icon um dich einzuloggen:

WordPress.com-Logo

Du kommentierst mit Deinem WordPress.com-Konto. Abmelden /  Ändern )

Google+ Foto

Du kommentierst mit Deinem Google+-Konto. Abmelden /  Ändern )

Twitter-Bild

Du kommentierst mit Deinem Twitter-Konto. Abmelden /  Ändern )

Facebook-Foto

Du kommentierst mit Deinem Facebook-Konto. Abmelden /  Ändern )

Verbinde mit %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d Bloggern gefällt das: